Quando penso a Berlusconi…

 
 

Ah, che bellezza essere italiano
quando al mattino l’aria s’improfuma,
quando al barista chiedo da lontano
‘Augusto, un cappuccino senza schiuma!’.
E mentre lo sorseggio mi ci beo
e penso alla Madunina e al Colosseo
e mentre penso al Ponte dei Sospiri
senza volerlo vado su di giri.
Penso ai Bronzi di Riace
e il mio corpo si compiace
e mi eccito parecchio
quando penso a Ponte Vecchio…
 
Ma poi penso a Berlusconi
e mi si sgonfiano i coglioni.
Mi si sgonfiano le palle
non so piu’ dove cercarle.
Quando penso a quel biscione
mi si abbassa la pressione.
L’apparato genitale
c’ha un collasso verticale
Quando penso a Berlusconi
il testicolo s’ammoscia
tutto il corpo mi s’affloscia
ogni cosa mi va giù
e non si rizza più.
Non mi si rizza più.

Ma è sempre bello essere italiano
ai tempi nostri e a quelli di Ben Hur,
Colombo, Dante, Cesare, Tiziano
e Camillo Benso conte di Cavour.
Sorseggio il cappuccino e mi ci beo
pensando a Garibaldi, a Galileo
poi mi sento il corpo turgido, gagliardo
se penso che discendo da Leonardo.
Penso a Coppi sul Tonale
e mi sale su il morale
e mi sale un’erezione
quando penso a Cicerone.

Ma poi ripenso a Berlusconi
e mi si sgonfiano i coglioni.
Mi si risgonfiano le palle
e non so più dove cercarle.
E quando penso a quel biscione
mi si abbassa la pressione.
L’apparato genitale
c’ha un collasso verticale.
Quando penso a Berlusconi
il testicolo s’ammoscia
tutto il corpo mi s’affloscia
ogni cosa mi va giù
e non si rizza più.
Non mi si rizza più.

   
 

 

 
 
Quando penso a Berlusconi…ultima modifica: 2008-10-01T21:17:33+02:00da happyclown80
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Quando penso a Berlusconi…

Lascia un commento