Verogna!

 

 

Fermato davanti a scuola, inseguito, picchiato, gettato a terra, un piede calcato sopra la testa, messo in manette, infilato nell’auto di servizio, nuovamente picchiato, condotto al comando della polizia municipale di Parma, fatto spogliare, perquisito, ancora picchiato, insultato (”negro!”), costretto a firmare i verbali di un fantomatico interrogatorio. Rilasciato dopo quasi cinque ore di sevizie, all’arrivo del padre. L’allucinante avventura ha visto protagonista un giovane ghanese, Emmanuel Bonsu Foster, 22 anni, immigrato regolare. Nella denuncia presentata ai carabinieri Emmanuel ha ricostruito così la sequenza che l’ha visto per ore in balia di sette agenti della polizia municipale di Parma che lo avevano scambiato per un pusher.

Parma è la città che a giugno aveva visto la nascita dell’omonima carta sulla sicurezza che concede più poteri ai sindaci. Ad agosto una giovane prostituta nigeriana fermata dalla polizia in esecuzione del decreto antilucciole era stata ammanettata e scaraventata sul pavimento di una lurida cella. I giornali avevano pubblicato la foto e il presidente del Senato Schifani aveva chiesto spiegazioni al prefetto della città emiliana. Esplode ora il caso di Emmanuel il “negro” come ha scritto qualcuno accanto al suo nome di battesimo, sulla busta del Comune di Parma che gli è stata consegnata e contiene i documenti e i verbali dell’arresto. L’ufficio Nazionale antidiscriminazioni razziali (Una) del ministero delle Pari Opportunità ha aperto un’inchiesta. Un’inchiesta interna è stata avviata anche dal Comune di Parma, dopo l’incontro fra l’assessore alla sicurezza, Costantino Monteverdi, e i dirigenti della polizia municipale. L’assessore ha riferito che «si è trattato di un arresto movimentato, due agenti sono rimasti contusi».

La sequenza si apre lunedì sera, attorno alle 18,30. Foster frequenta l’Itis, una scuola serale di via Toscana, di fronte al parco ex Eridania. Entrato a scuola, posati i libri, Emmanuel era uscito a fare due passi nel parco in attesa delle lezioni. Due uomini alle sue spalle parlavano al cellulare, un terzo uomo gli si è avvicinato e senza proferire parola gli ha afferrato le mani mentre gli altri due lo immobilizzavano. «Sono riuscito a liberarmi e sono scappato. Nel frattempo arrivano altri tre uomini, uno solo si capiva da come era vestito che era un poliziotto». L’inseguimento termina subito, il ragazzo è placcato, gettato a terra, immobilizzato. Prono, qualcuno gli pianta la suola della scarpa sul capo, un altro gli stringe le manette ai polsi, un terzo gli dà un pugno sull’occhio sinistroche presenta una forte tumefazione.

«Hanno usato manganelli o bottigliette d’acqua per colpirmi», accusa. Lo fanno salire sull’auto di servizio, lo picchiano ancora finché Emmanuel smette di dimenarsi. «Mi dicevano: “Negro” e picchiavano».

Fra pochi mesi Emmanuel andrà a lavorare come volontario in una comunità per il recupero dei tossicodipendenti. Spiegazioni? Nessuna. «Mi hanno soltanto detto che mi hanno arrestato perché ero scappato». Al padre sarà offerta una versione diversa: Emmanuel si è rifiutato di mostrare i documenti ed è stato portato al comando per accertamenti sulla sua identità. «Al parco mi avevano svuotato le tasche e sequestrati il cellulare, la tessera della biblioteca, la tessera dell’autobus e un po’ di spiccioli- racconta Emmanuel – Al comando mi hanno spogliato completamente, sbattuto in cella con un tizio che non avevo mai visto. “Lui ha confessato e ha detto che c’eri anche tu”, mi dicevano. Mi tiravano fuori dalla cella e mi risbattevano dentro. Avevo paura. Ho chiesto di vedere mio padre ma niente. Volevano farmi firmare dei fogli, io ho detto che non firmavo». Dai e dai, il ragazzo firma.

Ora il ragazzo confessa di aver avuto paura e di averne ancora. Il colore della pelle evidentemente non è un dettaglio indifferente, neppure in una città solida, ricca e legata a tradizioni di civiltà come Parma. Marina Sereni, vicepresidente dei deputati del Pd, chiede chiarimenti al ministro degli Interni, Roberto Maroni. L’Italia è diventata un paese razzista?

ilsecoloxix.ilsole24ore.com 

 Credo proprio di sì…

 

http://blufiles.storage.live.com/y1pfHsbCftEfv2wIJVYYVyr4X_IXGuMxZ_ITbnpVRuggQeJAwOnH1KX33FBjN0nm5UK-KFfnuWS7SU

 

 

Verogna!ultima modifica: 2008-10-01T13:23:33+02:00da happyclown80
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Verogna!

Lascia un commento